Il bambino sensibile (e il Feng Shui neonatale)

FENG-SHUIQuando, prima della nascita di Filippo, sbocconcellavo qua e là capitoli de Il linguaggio segreto dei neonati, di Tracy Hogg, l’unica cosa che ripetevo tra me e me era: “Speriamo che lui non sia il tipo sensibile”.

Ovviamente Filippo è sensibilissimo.

Uno direbbe che l’ipersensibilità è un’attitudine positiva, quasi un dono della Natura. Lo dice anche la Treccani: “patrimonio dell’animo, buon gusto, delicatezza, finezza, raffinatezza, squisitezza”. Beh, non proprio. Nei neonati – un po’ come per gli adulti – la sensibilità è una mezza fregatura. È quell’attitudine a sentire il mondo che ci circonda, le persone che ci sono intorno, catalizzando le gioie ma anche le ansie. Come una spugna di sentimenti, sollecitazioni: insomma, dell’aria circostante, nel bene e nel male. Per il bambino sensibile, dice Hogg, “il mondo è una serie di stimoli sensoriali (…) spesso si innervosisce se molte persone lo tengono in braccio o dopo essere stato fuori casa (…) al momento del riposino o alla sera ha difficoltà ad addormentarsi”. In una parola: Filippo.

Tutti i genitori, diciamolo, cercano di vedere un po’ di eccezionalità nel proprio figlio. “Guarda, ha preso da solo quell’oggetto!” (a due mesi); oppure “Ascolta, ha quasi detto mamma!” (sempre a due mesi). Con il bambino sensibile si è ancora più portati a cadere nella trappola “ho-creato-un-genio”: perché il lui non si riposerà mai, sempre sveglio e attento a osservare, rielaborare (?), finché vostra madre dirà: “Vedi, ha imparato a fare ciao con la manina!” (fa tutto già a due mesi).

Per Filippo sensibilità è avere gli occhi sgranati da mattina a sera, la testa roteante a destra e sinistra  (non senza difficoltà nel governare il collo), lo sguardo insaziabile verso oggetti tipo la cornice di un quadro o l’ala di un’apetta sul lettino. Vuol dire anche ciucciare con avidità le dita e i bavaglini (il ciuccio no, lo prende in bocca e lo lancia come una caramella rancida), emozionarsi con grandi sorrisi quando gli si presta il 100% di attenzione, piangere più forte quando mamma è nervosa, stanca, discute con papà. Ma soprattutto per Filippo sensibilità è sinonimo di “difficoltà ad addormentarsi”: una fase che, ogni sera, ci coinvolge anche per due ore fra ninne nanne e urla, lacrimoni e storielle della buonanotte. Obiettivo: sradicare quella malsana abitudine della cullata in braccio che gli è stata data (soprattutto dai nonni…mumble mumble) nei primissimi giorni di vita.

Anche per questo ho pensato di avvicinarmi al Feng Shui.

“E che è?”, mi ha detto l’altra sera Mr. P, forse pensando che volessi tornare al ristorante cinese.

“Ma come, è quel modo di pensare orientale per cui bisogna disporre i mobili in casa in un certo modo, per favorire la tranquillità. Tipo il letto va orientato a Nord. O forse a Sud, adesso non mi ricordo. Però così poi si dorme meglio. Ma dove vivi?”.

In realtà, di Feng Shui, non ne so molto nemmeno io. È per questo che mi sono rivolta a Google.

La chiave di ricerca “feng shui neonati” produce circa 37.500 risultati in italiano. Dunque non me lo sono inventato: qualcuno prima di me ha (disperatamente) provato a risistemare lettino e fasciatoio in modo da “favorire le energie positive e allontanare quelle negative”.

Il Feng Shui del neonato

[da noimamme.it]

Picture 1“Come prima cosa è bene che tutto l’arredamento sia in legno naturale, di colore chiaro e con superfici lisce…” – Ce l’ho.

“I mobili, poi, oltre alle superfici lisce, non dovrebbero presentare spigoli o angoli troppo evidenti” – Ce l’ho, tranne due foto incorniciate che sono quadrate. Ma le cornici rotonde mi fanno troppo lapide!

“L’illuminazione ideale dovrebbe essere fornita da lampade di forma semicircolare o circolare” – Ce l’ho. “E’ anche consigliata una lampada a cristallo di sale che contrasta l’elettromagnetismo attraverso il suo effetto ionizzante” – Mi manca.

“Per quanto riguarda i colori, bisognerebbe scegliere bianco, crema e celeste se il bambino è nato tra la primavera e l’estate, oppure verde, rosa e giallo se il piccolo è nato in autunno o in inverno” – Se la cameretta è bianca e gialla?

“I quadretti alle pareti dovrebbero essere preferibilmente di stoffa” – Mi manca. “A questo proposito è bene ricordare che i quadretti posti di fronte al lettino è bene che abbiano colori pastello riposanti” – Mi stra-manca: il suo lettino guarda una parete color vinaccia acceso.

“Un bambino che soffre d’insonnia può migliorare il suo sonno dormendo con la testa verso Nord” – Facile. “La testata del lettino posta in angolo rivolta a nord-est può generare incubi; la testa rivolta a est è la posizione migliore: rende il bambino ottimista e dinamico; il lettino rivolto all’angolo sud-est aumenta la creatività e la socialità, ma meno che se fosse rivolto ad est; la testa rivolta a sud può rendere il sonno molto leggero e favorire l’iperattività; la testa rivolta a sud-ovest regala stabilità ed è indicata per bambini iperattivi e poco riflessivi; la testa rivolta ad ovest rende il sonno tranquillo ma può indurre pigrizia”. Eh???

Comunque, se la bussola non mi inganna Filippo ha la testa a Sud, lo sguardo a Ovest e i piedi in direzione Nord. Praticamente è come se dormisse nell’emisfero australe, ti credo che è nervoso! Qui urge un cambiamento e un po’ di shopping: quadretti di stoffa dai colori pastello, girandole di tulle da appendere al soffitto, la foto di un delfino (“I bambini entrano immediatamente in sintonia con questi animali”). E la lampada di sale, dove si comprerà?

Mr. P, preparati che stasera spostiamo i mobili. E ce ne è anche per noi, c’è il Feng Shui genitoriale: “La testa rivolta a nord-ovest, infine, stimola l’autorità ed è consigliata solo ai genitori perché favorisce i ragionamenti saggi”.

Feng shui e gravidanza

(Fonte: Scuola italiana di Architettura Feng Shui)

Casa secondo il Feng Shui

Annunci

Un pensiero su “Il bambino sensibile (e il Feng Shui neonatale)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...