“Apotropia” portami via, ovvero formule apotropaiche in caso di bisogno

Al secondo tamponamento subito in 30 giorni ho deciso di informarmi sulle pratiche correnti per togliere il malocchio.

PRIMO INCIDENTE. Fermi al semaforo rosso, tamponati da un signore accompagnato da due discutibili figuri in minigonna e zeppe da 15 centimetri, senza patente (“L’ho lasciata a casa”) e soprattutto senza assicurazione (“Ero in vacanza e non ho potuto pagarla”). Giustificazione: “Pensavo stesse per tornare il verde e intanto sono partito”.

SECONDO INCIDENTE. Tamponati da fermi alle strisce pedonali (che poi, perché ci viene in mente di rallentare per far attraversare i pedoni? Tanto siamo a Roma…), da un motorino-scheggia che ci dà una botta più forte della macchina carica di tre persone. Stavolta il protagonista è minorenne, ma anche qui manca la patente (“L’ho persa, ho la denuncia di smarrimento). L’assicurazione, per fortuna, c’è. Giustificazione: “Ero distratto, non vi ho proprio visto”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...