American biscuit

La Fenice in cucina
La Fenice in cucina

Quando mi manca my Mr Big, cucino.

La primavera pare non voler mai arrivare a Boston, quest’anno. Giornate grigie si susseguono impietose, lasciando la città sotto una coltre bianca e fredda giorno dopo giorno, settimana dopo settimana.

In pausa pranzo, intirizzita nella mia giacca di lana, passeggio lungo Newbury street. Devo venire a farmi una pizza da Scoozi, penso mentre passo di fronte ai tavolini al fresco (modo bostoniano per dire “all’aperto”). Ma per ora la mia destinazione è un’altra: sto andando a comprare delle measuring cups da Kitchen Art.

Stasera preparo i biscotti americani.

Dopo alcuni (e irrilevanti) insuccessi, infatti, ho deciso di portare la mia abilità di pasticcera al livello successivo. E qui in America non lo puoi fare se non hai un kit di tazzine misura-tutto che eliminano il problema delle bilance da cucina. Niente grammi né libbre, i cuochi americani pesano tutto in measuring cup. Che no, non sono una generica “tazza”: ci ho provato e il risultato è raramente commestibile.

Quindi, benvenuti alla seconda puntata de “La Fenice in cucina”. Stasera si servono biscuit.

Un po’ di storia…
In inglese americano, i biscuit o “pane di soda” sono piccole pagnottelle di pane con la soda al posto del lievito. Insieme al pane di mais, sono anche conosciuti come “quick bread“, pane veloce. Perché, appunto, non devono lievitare prima di essere infornati. I biscuit, lontani mille miglia dai nostri biscotti, sono tipici della cucina americana meridionale, e accompagnano il piatto principale come il pane per noi Italiani. Io li adoro a colazione, con miele o marmellata. McDonald’s e Kentucky Fried Chicken, invece, li usano come base per i panini col pollo fritto. Assaggiati, buonissimi.

Measuring spoons & cups
Measuring spoons & cups

Disclaimer e conversioni
Non so se in Italia esistano baking powder e baking soda. Magari li vendono in farmacia. Ma sono sicura che non troverete facilmente measuring cup per pesare gli ingredienti. Per fortuna internet è pieno di siti di cucina che vi aiuteranno a convertire cup in grammi.

Ingredienti
2 cup di farina (circa 250 grammi)
2 cucchiaini di baking powder (o lievito in polvere, cioè bicarbonato di sodio miscelato con cremore di tartaro, che dà quel retrogusto acido)
¼ cucchiaino di bicarbonato di sodio
¼ cucchiaino di sale
2/3 cup di latte battuto (circa 160 grammi, si può ottenere unendo al latte fresco un cucchiaino di succo di limone. Mescolare e lasciar riposare per pochi minuti)
3 cucchiai abbondanti di olio vegetale

Mescolare a parte gli ingredienti asciutti: farina, lievito americano, bicarbonato e sale. In una ciotola, mescolare il latte con l’olio vegetale. Amalgamare i due composti e impastare 10-12 volte. Poi stendere la pasta (alta 3-5 cm) e ritagliare vari “biscotti” rotondi. O della forma che preferite, io ho usato quella di un trifoglio (icona di Boston).

Infornare a 230 gradi (Celsius) per 10-12 minuti o finché la crosta del biscotto non diventa dorata.

Farcire a piacere. Ottimi se mangiati caldi!

I miei american biscuit a forma di trifoglio!
I miei american biscuit a forma di trifoglio!
Annunci

5 pensieri su “American biscuit

  1. Volevo cimentarmi anch’io in cucina e piu’ precisamente in una bella crostata…diciamo che mi e’ un po’ passata la voglia :-)….comunque la forma dei tuoi biscotti e’ FANTASTICA!!!! :-))))

  2. Accidenti, sembrano buoni buoni!
    Personalmente cambierei solo la forma. Sono tradizionalista a tavola, preferisco le forme tondeggianti.

    Complimenti e buon appetito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...