Sweet Boston

Il bancone di Sweet Cupcakes
Il bancone di Sweet Cupcakes

Se digitate “cupcakes boston” su google (google.com e non google.it), il primo risultato è Sweet Cupcakes, piccola pasticceria nel cuore di Back Bay.

Precisamente sulla trafficatissima Massachusetts Avenue.

Terra di vizio per i peccatori di gola, questo negozietto di 25 metri quadri offre solo ed esclusivamente cupcake. Al cioccolato nero olandese con crema di vaniglia per i golosi tradizionalisti; con scaglie di cocco e marmellata di mango per i tipi più esotici; fino alle specialità 100% vegane, senza latte, uova né colesterolo per i salutisti. Il menù include persino “Pupcake“, cioè dolcetti all’avena per…i cani.

Ma cos’hanno di tanto speciale questi dolcetti inventati all’inizio dell’Ottocento, grassi “fiancofili” e coloranti a parte?

  • Gli Americani sono individualisti. E le cupcake sono mini-torte taglia singola. Tentazioni mono-porzione che, in realtà, nascono come torte a tutti gli effetti e in quanto tali si dividevano. Poi qualche Mr “McCupcake” deve aver deciso di volerne di più, e la stessa dose che prima serviva almeno due o tre persone oggi ne serve solo una.
  • Gli Americani sono dei bambinoni. E le cupcake sono sono di tutti i colori dell’arcobaleno, fuorché quelli che si trovano in natura. Gialli intensi e verdi smeraldo i favoriti.
  • Gli Americani sono rinomatamene taglie forti. E le cupcake aiutano.

Ok. Non solo gli Americani.

Anche io qualche domenica fa ho fatto tappa da Sweet Cupcakes, insieme a my Mr Big. E sono uscita dal locale felice come una scolaretta, con 4 cupcake in scatola di cartoncino con tanto di fiocco marrone a pois. I gusti? Cappuccino, Organica alla carota, Pioggia di cocco e Cioccolato decadente.

La confezione
La confezione

P.S. Se con quattro torte monoporzione e solo due persone non vi tornano i conti…fate finta di niente.

Annunci

4 pensieri su “Sweet Boston

  1. Trovarmi di domenica mattina davanti ad un post che parla di dolciumi è un colpo basso…mi vedo costretto a preparare un tiramisù!
    A Boston lo conoscono? So che i Giapponesi ne vanno pazzi ma gli Americani?

    1. Gli Americani – specialmente quelli che conosciamo noi – vanno pazzi per il tiramisù di my Mr Big. Che, meglio di una massaia siciliana, si mette addirittura a montare il bianco dell’uovo a mano! Le pasticcerie di North End e i ristoranti – più o meno farlocchi – italiani hanno in genere questo item nel menu. Da cui deduco che anche gli Americani, come i Giapponesi, ne vanno pazzi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...