Come sopravvivere a meno 15

Copley Square
Copley Square

Come sopravvivere a meno 15 gradi, soprattutto se sei di Roma e l’ultima neve l’hai vista nel 1986.

Decalogo per il turista e/o neoabitante della costa nordorientale degli Stati Uniti. Perché il “Natale a New York” non è proprio come l’ha dipinto De Sica.

1) Regola numero Uno. Fondamentale: vestirsi a strati. Almeno 3.

2) Regola numero Due. Semi-fondamentale: indossare scarponi impermeabili e impellicciati. I celeberrimi UGG, per esempio, si impregnano d’acqua mentre le calosce di plastica – molto anni Ottanta – riducono i piedi a zollette di ghiaccio.

3) Al momento di uscire, abbottonarsi il cappotto fino al collo, indossare cappello E cappuccio (altro fondamentale).

4) Passare la sciarpa al di fuori del cappuccio. Un paio di giri intorno al collo saranno sufficienti. Fare un bel nodo che il vento non riesca a sciogliere. Infilare i guanti.

5) Ridotti alla capacità motoria di un Robocop con l’artrite, scendere L-E-N-T-A-M-E-N-T-E gli scalini d’ingresso della palazzina. Ornamento architettonico che fa molto New York City West Village in primavera, e “Arma Letale” d’inverno.

Foto di Delu su Flickr.com
Foto di Delu su Flickr.com

6) Se il marciapiede è una lastra di ghiaccio, esibire le proprie doti da pattinatore oppure procedere a piccoli passi. Ricordarsi che l’inverno non è semplicemente la stagione del Principe Schiaccianoci: è la stagione del Principe Schiacciauova.

7) Quando, al momento di lasciare il marciapiede, sorge il problema di scavalcare la montagna di neve ammassata dagli spazzaneve, scegliere tra le seguenti opzioni: 1. Volare; 2. Aspettare la funivia; 3. Usare gli scarponi impermeabili e tuffare i piedi nella neve.

8 ) Evitare di sostare ai bordi di tendine e tettoie. Soprattutto se il freddo ha formato spinose stalattiti di ghiaccio…

9) In caso di vento, stringere manualmente il cappuccio intorno alla testa onde evitare il cosiddetto “effetto vela”. Fenomeno fisico che occorre quando il vento si incanala nel cappuccio, che si gonfia e vi tira indietro. Importantissimo: evitare l’effetto vela se si cammina sul ghiaccio. Per ovvi motivi.

10) Decimo e ultimo punto. Se siete “sopravvissuti” ai primi 9, non cedete alla frustrazione e al nervosismo quando, a destinazione (e al caldo!), non riuscirete a uscire da cotanta imbracatura.

Annunci

10 pensieri su “Come sopravvivere a meno 15

  1. Fenice, ti sei dimenticata un punto fondamentale…stringere amicizia con babbo natale e le sue Renne, che magari la slitta ti puo’ risultare utile se sono le 5 della mattina e oltre a tutti i punti da te citati, hai 2 valigie e 2 bagagli a mano e non sai come arrivare al taxi 🙂

  2. scusami…l’ho trovato!!!!!
    ma prima non so perchè non me lo visualizzava più…
    mi avrai presa per una demente e non ci sei andata molto lontana…
    sai il 23 di dicembre i miei neuroni cominciano a trovare le sinapsi con difficoltà!!!
    bè…la smetto di stressarti
    torno a fare finta di lavorare
    e auguri!!!

  3. Ciao Irene!
    E’ probabile che tu non abbia trovato il tuo commento perche’ i commenti vanno approvati, prima di essere pubblicati…
    Grazie per le belle parole!
    Che dirti…mi hai dato ispirazione per un nuovo pezzo:
    “Cinque cose da non perdere a Boston sotto Natale”!
    Stay tuned!!!
    Fenice

  4. e i bambini, nati a Roma pure loro e, per giunta, dopo l”86, come se la cavano?
    ho bisogno di rassicurazioni…………..
    ciao

    1. I bambini se la cavano sempre benissimo, specialmente se sono nati dopo l’86 e non hanno mai avuto una vera nevicata in citta’!

  5. wow… post vecchio ma perfetto per la nevicata che ha fatto qui da noi quest’inverno…
    per quanto riguarda l’operazione svestimento una volta arrivata al lavoro, non s’è proprio posto… era talmente freddo che è gelata l’acqua nei tubi ed eravamo al freddo e al gelo pure in ufficio… 20 giorni da incubo… pensa che per scaldarmi, andavo a casa a piedi!!!! :DDD
    Bacioni! ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...