Conversazioni

La State House di Providence
La State House di Providence

Sul treno per Providence, venerdì scorso.

È libero questo posto?
Ehm…sì ma…io mi alzo molto“.

Eh già: gli Americani di Boston (e dintorni) sono super educati. In tutto. Tranne quando si tratta di viaggiare in treno. Lì mi diventano dei professional egoist e fanno di tutto per occupare quanto più spazio intorno a loro, e non far sedere nessun altro. A volte sono così cafoni che deve intervenire il capo treno, con l’altoparlante, per “invitare” i passeggeri a occupare “solo” un sedile per persona.

Biglietto prego…
Eccolo
A questo punto il controllore stacca un fogliettino colorato, ci scarabocchia qualcosa sopra – diverso per ogni persona – e lo incastra sulla barra del portabagagli.
Ma come funziona il sistema?
Quale sistema?
Questo dei biglietti colorati…
Hey man…se te lo dicessi, poi dovrei ucciderti“.

A questo punto mi aspettavo di veder spuntare un Will Smith in abito scuro e occhiali neri, inseguito da un larvone alieno gigante.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...