Moda Autunno – Inverno 2008/09

Camminare per strada è come
Camminare per strada è come sfilare sulla passerella più democratica del mondo

The Star-spangled Banner, l’Inno degli Stati Uniti d’America, canta questo Paese come “la terra degli uomini Liberi e la casa degli uomini Coraggiosi“.

Questo, ormai, lo so bene. Avendo ascoltato l’Inno nazionale nelle più impensabili occasioni, dalle partite di basket alle cerimonie in Università.

E gli Stati Uniti sono, davvero, la “terra degli uomini Liberi”. O, quanto meno, dei fashionisti liberi.

Camminare per strada è come sfilare sulla passerella più democratica del mondo, dove chiunque si veste come gli pare. Non esiste il concetto di “oddio-guarda-quello”. Esiste il concetto della comodità e della pratica. Qualcosa che noi italiani, spesso intrappolati tra abbinamenti di colori e griffe, ci perdiamo. Peccato!

Signore e signori, è con immenso piacere che questa sera vi presento le ultime da oltreoceano in materia di moda.

Modello quattro stagioni sportivo
Pantaloni felpati della tuta un paio di taglie più larghi, arrotolati in vita, con calzettone di spugna color verde bottiglia a sua volta arrotolato intorno alla tuta, fino a metà polpaccio. Il tutto abbinato con un paio di infradito blu notte.

Modello quattro stagioni glamour
Short o mini-minigonna di cotone, abbinata a un paio di stivali modello dopo-sci, preferibilmente con pelliccia esterna e interna. Ottimi per tenere le gambe fresche d’estate e i piedi caldi d’inverno.

Modello quattro piedi
Tailleur da ufficio accessoriato con zaino da trekking a cui sono legate esternamente un paio di scarpe da ginnastica penzolanti. Una variante su questo tema prevede le scarpe sfuse nella borsa. Da tirare fuori al momento opportuno.

Modello impiegato classico
Cravatta regimental a strisce rosa e blu abbinata su camicia a quadri larghi rossi e verdi. Questo modello è disponibile con la camicia a manica lunga, ma viene largamente preferita la manica corta stile ragioner Filini.

Modello regina delle nevi
Infradito e piumino, mentre nevica e fanno 15 gradi sottozero. I piedi assumeranno un delicato e naturale colore violaceo.

Ovviamente – essendo io una buona fashionista – tutte queste influenze si sono mescolate con il mio stile italiano (che tanto classico non è mai stato). Con vari effetti sul mio guardaroba che my Mr Big deve ancora completamente digerire.

Pantaloni della tuta rossi e scarpe da ginnastica, felpa grigia e giacca verde scuro. Short grigi comprati a San Francisco, infradito rosa e felpone rosso bordeaux con la scritta “Harvard” in bianco. E ancora papaline rosso vermiglio, abiti vintage stile anni Cinquanta, scarpette rosse che farebbero invidia a Dorothy del Mago di Oz…

Che dire, questa è veramente the land of the free and the home of the brave!

Annunci

Un pensiero su “Moda Autunno – Inverno 2008/09

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...